Connettiti con noi

L'Identikit dell'Accompagnatore Turistico

11 Maggio, 2018

Fonte: www.lavorareturismo.it

PERCHE' è IMPORTANTE UNA FORMAZIONE DI ALTA QUALITA'

È Accompagnatore Turistico chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nei viaggi attraverso il territorio nazionale o all’estero; fornisce elementi significativi e notizie di interesse turistico sulle zone di transito al di fuori dell’ambito di competenza delle guide. Generalmente è un lavoratore autonomo che lavora su incarico di tour operator, agenzie di viaggio ed enti di promozione turistica. In particolare cura l’attuazione del programma turistico prestabilito, fornisce le informazioni generali sulle località visitate (pur non sostituendosi alla guida turistica) e presta assistenza per risolvere quei piccoli o grandi inconvenienti che si possono verificare durante un viaggio.

A lui tocca gestire gli adempimenti burocratici ed amministrativi del gruppo che accompagna, provvedere alla sistemazione dei partecipanti negli alberghi, far rispettare gli orari degli appuntamenti programmati, favorire una buona armonia nel gruppo ed ascoltare i reclami di chi non è soddisfatto. Dovrà essere una persona precisa, puntuale ed ordinata perché fra i suoi compiti rientra anche quello di gestire soldi, biglietti e documenti di tutto il gruppo. E’ dunque il responsabile del buon andamento del viaggio, in caso di malattia, incidente, smarrimento o furto di documenti ed è il punto di riferimento dei viaggiatori per tutta la durata dello stesso.

La capacità di relazionarsi in maniera continua con gli altri (in primo luogo i turisti del gruppo, ma anche tutte le persone con cui dovrà interagire e venire in contatto) è estremamente importante, è necessario possedere un approccio positivo verso il prossimo e indispensabile essere diplomatici: l’accompagnatore avrà il compito di mediare sempre e con tutti (con i clienti, con i committenti, con le autorità locali, con le guide turistiche, con il personale di servizio con cui si entra in contatto, ecc.).

Nell’ambito di questa attività esistono delle vere e proprie specializzazioni. L’accompagnatore per viaggi outgoing ad esempio, definito all’estero Tour Manager, svolge un’attività estremamente impegnativa; ha infatti la responsabilità di condurre persone o gruppi fuori dai confini nazionali. Non a caso all’estero questa figura viene definita manager: occorrono infatti capacità che non è eccessivo definire manageriali per gestire rapporti ed affrontare problemi che possono essere sempre diversi. Dovrà quindi essere in grado di esprimersi correntemente in varie lingue (possibilmente anche in quella del paese di destinazione); deve conoscere l’itinerario e le località che verranno visitate, le linee di comunicazione e la prassi doganale e valutaria della nazione ospite. Questa figura è quella che al momento offre migliori prospettive occupazionali essendo sempre più diffusi i viaggi organizzati.

L’accompagnatore in daily tour invece si dedica alle escursioni giornaliere. I suoi compiti sono gli stessi di chi opera nell’incoming: animare la compagnia durante la gita, controllare che il programma offerto sia rispondente a quello stabilito, verificare che gli orari siano rispettati e fornire le informazioni generali sulle località visitate.

Le tariffe sono fissate a livello regionale e possono mediamente variare fra 70 e 115 euro a giornata lavorativa, al netto di Iva. Naturalmente, trattandosi di lavoro autonomo non si gode delle stesse garanzie in termini di continuità del reddito e di copertura previdenziale rispetto ai lavoratori dipendenti. In alternativa si potrà essere dipendendenti di un'unica realtà e lavorare esclusivamente con la stessa. Non dimentichiamoci però le mance usualmente offerte dal gruppo all’accompagnatore, al termine del viaggio, che possono essere anche molto cospicue !

 

ALLEGATI

nessun allegato